Attenti al 18 Ottobre.

Spero di essere stato chiaro, il GDPR è un bel piatto vuoto da ornare  e guarnire ( e controllare ). E' una norma di riferimento, di principi di massima, ma l'applicazione settoriale deve essere contestualizzata con norme specifiche, per questo mi piace dire che non esiste la privacy ma solo il corretto trattamento dei dati. Molti dati e molte informazioni trattate dalle PP.AA. hanno a che fare con il codice dei contratti ( e proprio in questo caso, vige il principio della trasparenza e non quello della riservatezza, cfr articolo 29 del codice…continue reading →

Ciao Ciao SPLIT PAYMENT per i professionisti

L'articolo 11 del c.d. decreto dignitá porta finalmente fine allo split per i professionisti, una figura che non ha fatto altro che gravare sulle PA periferiche, ed il motivo è sotto gli occhi di tutti gli addetti ai lavori. In attesa della pubblicazione in GU riporto uno stralcio , Articolo 11 (Split payment) 1. Le disposizioni di cui all’articolo 17-ter, comma 1, del d.p.R 26 ottobre 1972, n.633, non si applicano ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito ( anche  a titolo di…continue reading →

Controlli semplificati Delibera 206/2018 ANAC, documento informatico DGUE

Propongo un breve post per i controlli derivanti dalla delibera 206/2018 ANAC, aggiornamento LLGG 4. Il paragrafo n. 4. L’affidamento e l’esecuzione di lavori, servizi e forniture di importo inferiore  a 40.000,00 euro introduce modalità diversificate di verifica dei requisiti dell’aggiudicatario. Da notare come ANAC preveda che le stazioni appaltanti si dotino di un Regolamento per disciplinare i controlli a campione sulle autodichiarazioni rese dagli operatori economici ai fini  dell’affidamento diretto da effettuarsi in ciascun anno solare in relazione agli affidamenti diretti operati. I controlli sono divisi in tre gradi di compelssità in…continue reading →

Le nuove LL.GG. 4 ” PROCEDURE PER L’AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI PUBBLICI DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOGLIE DI RILEVANZA…

In questo breve post ci limiteremo a trattare degli affidamenti inferiori ad € 40.000, anche perchè proprio in questa fascia di prezzo troeveremo le novità piiù rilevanti . Sorvolando le ormai più o meno abitudini consolidate, ad esempio la determinazione degli importi ex articolo 35 del Codice, i requisiti CAM dell'articolo 34 e la norma sui conflitti ex articolo 42 , ci soffermeremo sull'annosa questione degli inviti e defli affidamenti, che ad oggi sembrerebbe trovare una risoluzione nella motivazione forte finalizzata ad attuare il principio della concorrenza nell'accezione più amplia, a tal proproposito…continue reading →

Controlli Agente delle Riscossioni, dal 1 Marzo il limite scende ad euro 5000.

L’articolo 1 comma  986 della L. 205/17  dimezza il limite dal quale iniziare interrogare la’gente delle riscossioni prima di pagare un proprio fornitore ( 48 bis DRP 602/73- DM 40/08), quindi a partire dal primo Marzo occorre fare l’interrogazione con la procedura Controllo Inadempienze di Consip ( acquistinretepa.it) a partire da € 5000 . All'articolo 48-bis, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, la parola: « diecimila » e' sostituita dalla seguente: « cinquemila »continue reading →

Aziende speciali fuori dalla portata della Delibera ANAC 235/17 – Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida n. 7, di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 recanti « Linee Guida per l’iscrizione nell’ Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie società in house previsto dall’art. 192 del d.lgs. 50/2016 ».

Preciso e premetto che questo post riporta solo ed esclusivamente una mia analisi, invero di interpretazione minoritaria e contrastante con talune notissime testate specializzate, una fra tutte: http://www.quotidianoentilocali.ilsole24ore.com/art/servizi-pubblici/2018-01-15/aziende-speciali-fondazioni-e-controlli-controlli-occorre-fare-chiarezza-190643.php?uuid=AEZuqAjD   Partiamo dagli elementi normativi prima facie: L' articolo 5 del codice degli appalti e gli articoli 4 e 16 del TU delle società partecipate ( D.Lgs 175/16) L'articolo 5 del D.Lgs 50/16 elenca gli elementi ( che contemporaneamente devono esistere ) di esclusione dall'applicazione del codice , dettagliatamente : a   l'amministrazione giudicatrice esercita il controllo analogo b   oltre l'80% dei servizi svolti dalla…continue reading →

Modifica delle soglie dell’articolo 35 del D.Lgs 50/16

Le nuove soglie europee per i contratti pubblici sono le seguenti:   per i lavori la soglia passa da 5.225 a 5.548 milioni di euro; per gli appalti di servizi e forniture aggiudicati da amministrazioni che sono autorità governative centrali si passa da 135.000 a 144.000 euro; per gli appalti di servizi e forniture aggiudicati da altre amministrazioni la soglia passa da 209.000 a 221.000 euro; per gli appalti di lavori nei settori speciali si applicheranno le regole Ue delle direttive sopra i 5.548 milioni; per gli appalti di servizi e forniture nei…continue reading →

Nuova scadenza per la relazione a cura del RPC

LINK ANAC   Responsabili prevenzione corruzione e trasparenza Prorogato al 31 gennaio 2018 il termine per la pubblicazione della Relazione annuale I Responsabili della Prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) hanno tempo fino al 31 gennaio 2018 per pubblicare la Relazione annuale nella sezione ‘Amministrazione trasparente’ sottosezione ‘Altri contenuti-Corruzione’ dei siti internet istituzionali. Il provvedimento, disposto con il Comunicato del Presidente del 6 dicembre 2017, si è reso opportuno per consentire ai RPCT di svolgere adeguatamente tutte le attività connesse alla predisposizione dei Piani triennali di prevenzione della corruzione e della trasparenza…continue reading →