LL.GG. AGID Sicurezza Cibernetica. Il danno erariale. La circolare 2/2017 AGID.

Per il 2018 non occorre compilare ( più o meno ) l’allegato alla circolare 2 di Agid 2/2017.
Bisogna attendere le LL.GG. AGID sulla sicurezza , ed in funzione di queste rivedere le mms . Il documento sarà  pronte entro i primi 15 giorni di Gennaio 2019 . Come sempre il dcontenuto mira a modelli organizzativi e non solo all’acquisto di appartai ( firewall, nas, server e ferro vario ), e chiunque ancor prima di queste LL.GG. abbia fatto acquisti non proporzionati ( obbligazioni di mezzi e non di risultato come tante volte detto nel GDPR e non solo ) è a rischio danno erariale.

Le LL.GG , ripeto , sono la normale evoluzione del DPCM 01.08.15 e circolare 2/2017 AGID.

L’architettura sarà basata su tre top level, e 10 principi ( semplici ed immediati ).
L’analisi delle risultantze dell’applicazione delle LL.GG. , l’analisi dei rischi che dovrebbe essere in ogni modello GDPR ( grandi assenti ) ed il confronto con la circolare 2/2017 AGID costituirà  la base di partenza per poi fare gli investimenti ( sentiti il RTD ex articolo 17 82/05 e DPO 37 reg 2016/679).

I TRE LIVELLI .

I PRINCIPI : Politiche culturali e problemi da affrontare

II MISURE DI SICUREZZA : Cosa fare nel dettaglio per esplicare i principi enunciati nel primo livello.

III REGOLE TECNICHE : Praticamente cosa fare nel dettaglio .

Praticamente, come ci insegna l’arte e la tecnica della compliance, abbiamo le prime tre W della regola delle 5 W (WHO , WHEN, WHAT , WHY , WHERE – CHI,QUANDO,COSA,PERCHÈ, DOVE ), infatti i tre livelli rispondono alle domande PERCHE ? – COSA ? – COME ?.

Un esempio dei tre principi  potrebbe essere:

I MISURA : I dati della PA devono essere riservati ed utilizzati per fini istituzionali ( euristica )

II MISURA : di conseguenza tutti gli utenti devono essere univocamente identificti da user e password

III MISURA : le password devono essere composte da almeno 8 caratteri alfanumerici, un carattere maiuscolo ed uno speciale .

È chiaro che l’euristica, la politica data non varia, la seconda e la terza misura  potrebbero  variare ,a partire dal terzo ( analisi del contesto ) ,non otto ma magari 10 caratteri , oppure non potrebbe bastare la combinazione user e password ma anche un terzo fattore, magari biometrico.

I DIECI COMANDAMENTI – o PRINCIPI.

Principio di inventario

Per proteggere bisogna conoscere se stessi, principio fortemente analizzato in circolare 2/2017 , ABSC ID 1 e ABSC ID 2. Per proteggere gli asset devo conoscere ed avere un elenco degli asset da preservare.

Principio di attribuzione

E’ un elemento base della segregazione funzionale propria dei MOG, risponde alla domanda “conosci chi fa cosa e cosa fa cosa, ha fatto o farà ?”.

Quando si parla di trattare bene i dati è inutili spostare l’attenzione solo ed esclusivamente sulla copia e sui virus ( dimenticando sempre i dati analogici ) ma occorre sapere all’interno dell’organizzazione come viene attuato il paradigma CRUD ( CREATE. READ,UDPATE, DELETE).

Principio della pervasività

La sicurezza deve essere pervasiva, trasparente agli utilizzatori , quindi come un abito su misura ( è evidente il richiamo all’articolo 25 del GDPR).

Attenzione, per essere pervasivo uno strumento non può essere calato dall’alto ( procedure ISO ) ma disegnate dal basso con la maieutica ( proedure D.Lgs 231/01 ad esempio ).

Principio della ridondanza

Se hai valore per me, devo copiarti ed avere un sostituto valido. da un punto di vista fisico devo avere ridondanze strutturate ( RAID 5  ,server in cluster, locale o geografico, e più in generale assenza di Single Point of Failure ) .

Dal punto di vista organizzativo non devono esserci centri unici di potere all’interno di ufficio , non posso lancaiare testate nucleari da solo e non posso distruggere documenti nello stesso modo, mentre dal lato logico dovrei permettere come regola del principio della pervasività la possibilità di accedere ale informazioni con più metodologie ( web, cell, sportello etc ).

Chi tratta l’argomento da tempo non può non notar ele analogie del TIER delle LL.GG. sul DISASTER RECOVERY dell’articolo 50 bis del vecchio CAD ( 235/10).

Principio del minimo
Citazione popolare ” Tre so’ ‘e putiente: ‘o Papa, ‘o Rre e chi nun tene niente” traduzione ” i potenti sono il Papa , il Re  e chi non ha niente “.

Il Papa ed il Re hanno grossi patrimoni e le risorse per il loro presidio, chi non ha niente  non ha nulla da perdere e quel poco che ha può essere presidiato in economia.

tecnologicamente si traduce nel ridurre la superficie di attacco elimianndo tanti servizi inutili che si interfacciano sul web, organizzativamente invece si attua con le review delle utenze attivate ( ci ricolleghiamo al paradigma CRUD del primo comandamento ).

Principio del miglioramento continuo
Non restiamo mai indietro, formiamo continuamente il nostro personale sugli aspetti tecnologici e normativi.

Principio dell’Automatizzazione

L’uomo può sbagliare nei lavori ripetitivi, la mente dell’uomo deve programmare gli eventi e creare e controllare le procedure. Trattare bene i dati prevede alcuni automatismi , con i limiti ovviamente di natura etica e normati ( art 22 GDPR)

Principio della temporalità

Massima priorità agli aggiornamenti tecnologici ed alla PATCH ( ampliamente tratato nelle mms AGID ) , essenziale l’abbonamento al CERT-PA.

Principio della diversità

Chi è appassionato di automobili ? io no ma faccio un esempio .

Avete un antifurto con immobilizer sull’auto ? Avete anche il block shaft ? Si ? perche non non avete montato due antifurti di tipo immobilizer ?.

Proeggere significa differenziare i presidi di sicurezza, Un esempio da non seguire ? DUE o PIU’ FIREWALL identici. BUCATO uno, bucati gli altri.

A ben vedere è una regola biologica evolutiva .

Principio della separazione
Deve sempre vigere il principio della separation of duties , esempi sono quelli costituzionali ( separazione del potere legislativo , esecutivo e giudicante ).

Il modello di riferimento potrebbe nuovamente essere quello dei MOG ex d.lgs 231/01. In alcuni aspetti è l’atra faccia del principio della ridondanza.

Tecnologicamente si attua con avere ambienti fisici e virtuali, reti separate e soluzioni confinate in ambienti diversi. Per assurdo se virtualizzo un server fisico facendolo girare sullo stesso con un black out perdo tutto.

I dieci principi sono facilmente  individuabili in alcuni ID dell’ABSC Agid 2/2017, ad esempio nel paragrafo

ABSC 2.1.1 Stilare un elenco di software autorizzati e relative versioni necessari per ciascun tipo di sistema, compresi server, workstation e laptop di vari tipi e per diversi usi. Non consentire l’installazione di software non compreso nell’elenco.

Trovo i principi  di Inventario ,di Attribuzione , della Separazione, del Minimo .

Continuiamo la nostral DIGITAL COMMEDIA ricordando come sempre che la Conserva di POMODORO ci insegna le giuste procedure per trattare bene i dati.

Print Friendly, PDF & Email