Chiarimenti sull’obbligo del MEPA da parte di alcune SA e del versamento dell’imposta di bollo.

Ancora si vocifera in giro che le Istituzioni Scolastiche Autonome abbiano l'obbligo di acquisire in MEPA per gli importi pari o superiori ad € 1000. Questa convinzione è sbagliata, deriva da una lettura errata dell'aritcolo 1 comma 502 della L. 208/2015 ( Finanziaria per il 2016 ) che riporto 502. All'articolo 1, comma 450, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono apportate le seguenti modificazioni: a) le parole: «Dal 1º luglio 2007,» sono soppresse; b) al primo periodo, dopo le parole: «per gli acquisti di beni e servizi» sono inserite le seguenti:…continue reading →

Nuovi servizi e scadenze prossime

Per adempiere alle scadenze di fine 2017 e Maggio 2018 occorre partire per tempo, anzi per chi non ha una struttura informatica a norma direi che siamo in ritardo.   Per chiarimenti e delucidazioni chiamateci.   In particolare si ricorda l'obbligo di : nominare responsabile alla transizione digitale ex articolo 17 D.Lgs 82/05 predisporre il piano di sicurezza informatica circolare 2 / agid nominare DPO ed iniziare a lavorare al nuovo GDPR.  continue reading →

Privacy e vaccini, comunicato del Garante per la protezione dei dati personali

Il Garante per la protezione dei dati personali, con provvedimento del 1° settembre 2017, si è espresso in materia di privacy e vaccini. Il c.d. "Decreto vaccini", D.L. n. 73 del 07/06/2017 recante "Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci" impone l'obbligo vaccinale per la frequentazione delle scuole, pubbliche o private che siano. La circolare 0026382-01/09/2017 del Ministero della Salute detta quali dichiarazioni e documentazioni probanti debbano acquisire le Istituzioni Scolastiche ed in quali termini. Gli elenchi degli alunni vanno poi trasmessi…continue reading →

Novità in consultazione per gli affidamenti diretti ex articolo 36 comma 2 lett.a

La motivazione in merito alla scelta dell'affidatario è comunque obbligatoria e ricollegata all'art. 3 L.241/1990 (è peraltro prevista anche dall'art. 32, c.2, tra i contenuti minimi della determina a contrattare semplificata per gli affidamenti diretti). L'acquisizione dei due preventivi è facoltativa, ma rappresenta una "best practice". Va in ogni caso verificata l'economicità, anche mediante un confronto con la spesa per precedenti affidamenti o con il corrispettivo riconosciuto da altre amministrazioni per affidamenti analoghi. "4.3.1 In ottemperanza agli obblighi di motivazione del provvedimento amministrativo sanciti dalla legge 7 agosto 1990 n. 241 e al…continue reading →

La rotazione negli appalti , arriva in aiuto il Consiglio di Stato, Sezione VI, 31 agosto 2017, n. 4125,

La rotazione negli appalti ha lo scopo di evitare rendite e vantaggi non dovuti agli operatori economici che "radicano" nelle PA da un lato, dall'altro serve assieme alla trasparenza alla riduzione della dicrezionalità decisoria. E' evidente, dovrebbe esserlo, che la rotazione è un istituto che si applica solo alle procedure negoziate e non a quelle ordinarie. Una decisione del CdS, la 4125/2017, pure se in maniera indiretta chiarisce quando e come applicare e disapplicare la rotazione "degli inviti". La sintesi, che diviene ispiratrice della devisione di Palazzo Spada recita "“Il principio di rotazione…continue reading →

Affidamento diretto

Affidamento Diretto ed  accountability, la differenza con l’incarico fiduciario.   “… una rosa è una rosa, è una rosa è ,una rosa”…….. scriveva Gertrude Stein e cantava Franesco  De Gregori, mi vien da dire allora che l’affidamento  diretto, citato ben tre volte , articolo 31 coma 8 , 32 comma 2 e 36 comma 2 lett a …è un “affidamento diretto, è un affidamento diretto”…..   Chi continuerà a scappare dall’affidamento diretto, magari ricorrendo a forme “bastarde” come gli acquisti infra 40000 con la procedura negoziata vedrà sempre più peggiorare la propria situazione…continue reading →

Nuove Imprese a tasso zero

Nuove Imprese a Tasso Zero è il bando gestito da Invitalia per la costituzione di nuove imprese.   Il bando è rivolto a giovani di età compresa tra 18 e 35 anni od a donne, di tutte le età che si costituiscano in società. Il requisito soggettivo di età e sesso deve essere soddisfatto per maggioranza numerica e di quote. Sono ammesse società di persone, di capitali e cooperative. Sono escluse le ditte individuali, le società semplici e le società di fatto.   La localizzazione non è delimitata, il bando vale su tutto…continue reading →

Resto al SUD

Spett.li, rispetto alla prima circolare relativa al decreto e che vi riporto in basso, ricordo che la quota finanziamento richiedibile è stata innalzata ad € 50.000,00 pro capite. La soglia di età resta 18-35. Altre novità a breve, con la pubblicazione del bando vero e proprio. Spett.li aziende e professionisti, la presente per informarVi del D.L. "Resto al Sud", di recente emanazione, decreto che aprirà al bando intitolato allo stesso modo e gestito da Invitalia e che darà la possibilità di accesso ad un finanziamento ai giovani di età compresa tra i 18…continue reading →

Voucher per l’informatizzazione

  Spett.li Aziende e Professionisti con la presente circolare vogliamo informarVi che è, finalmente, in uscita il bando per l'erogazione dei Voucher per la Digitalizzazione delle Imprese. Il ritardo del Mise, purtroppo triennale, è stato da addursi alle difficoltà legate alla copertura finanziaria, ma ormai ci siamo! Parto proprio da questa, la copertura finanziaria, 100 Milioni di Euro, ciò significa che migliaia di aziende potranno beneficiare del voucher. Sì, perchè il voucher consiste nella erogazione di un ammontare che dovrebbe aggirarsi (fino alla pubblicazione in G.U. è d'obbligo il condizionale) attorno ai 10.000,00…continue reading →

ISO 31000 e valutazione rischio riciclaggio. L’operativita quotidiana, come la Direttiva 2015/849 cambia il D.Lgs 231/07

Tutta la struttura dell'antiriciclaggio, essendo norma fortemente COMPLIANCE, deve essere inquadrata , come chiarito anche nella Direttiva 2015/849, ad un approccio sul rischio costante, indi è indispensabile avere un profilo operativo basato sulla ISO 31000, ricordando inoltre che : la gestione del rischio crea valore la gestione del rischio  tiene conto dell'incertezza e che il miglioramento continuo ne riduce l'entità la gestione del rischio si basa sulle migliori informazioni disponibili la gesrione del rischio favorisce il migliormanento continuo . E' chiaro che uno dei presidi per la gestione del rischio è " la…continue reading →