Una buona notizia

La recente sentenza del TAR Veneto, Venezia, sez. III, n. 973/2017 , sembra finalmente far chiarezza su quel pasticciaccio che è rappresentato dal combinato art 77 comma 4 del D.lgs 50/16, la delibera 1007/2017 ANAC e la Vecchia LLGG sul RUP. Il Responsabile Unico de Procedimento può far parte della commissione salvo che non sia manifestamente incompatibile . Sappiamo tutti che stiamo trattando una neverending story , ma soprattutto per le  piccole PP.AA questa è certamente una bella notizia.    continue reading →

Linee guida ANAC sul RUP .

Il RUP, come deliberato con n. 1007/2017  (LG3/2017 ANAC) può essere designato anche quando mancante di alcuni requisiti che verranno prestati da altri soggetti, nei fatti siamo al cospetto di un avvalimento del RUP. Prtaicamente il RUP sarà ora una sorta di staff e non più una persona singola. Solo quando all'interno della PA non ci sono nemmeno tra i cc.dd. ausiliari dei requisiti si può ipotizzare la possibilità dell'esternalizzazione della funzione.  continue reading →

I soggetti da consultare nelle negoziate, in risposta ad alcuni dubbi evergreen .

Come da articolo 36 comma 2 lett b del codice deli appalti, le stazioni appaltanti hanno l'obbligo di "consultare" almeno cinque operatori economici. Giurisprudenza  sul D.lgs 50/16 in merito agli inviti alla consultazione ancora non è presente ma torna utile la sentenza del TAR LOMBARDIA 694/2011 sugli affidamenti in economia. In sintesi la sentenza chiarisce che qualora in risposta alla consultazione ci siano meno di cinque operatori comunque si può procedere con l'espletamento della gara. Quindi nessun limite minimo alle risposte di un numero minimo di 5 soggetti consultati. Cosa fare nel caso…continue reading →

Aggiornamento della Linea Guida n.4 ANAC (sotto-soglia)

Art.36 Codice comma 7 codice appalti. L'ANAC con proprie linee guida, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, stabilisce le modalita' di dettaglio per supportare le stazioni appaltanti e migliorare la qualita' delle procedure di cui al presente articolo, delle indagini di mercato, nonche' per la formazione e gestione degli elenchi degli operatori economici. ((Nelle predette linee guida sono anche indicate specifiche modalita' di rotazione degli inviti e degli affidamenti e di attuazione delle verifiche sull'affidatario scelto senza svolgimento di procedura negoziata, nonche' di effettuazione degli…continue reading →

Acquisti sotto soglia con procedure negoziate, secondo focus .

In questo secondo focus ci occuperemeo degli acquisti compresi tra i 40000 € ed il sotto soglia ( art 35 D.Lgs 50/16). Ai sensi del 36 comma 2 lett b, i contratti con oggetto beni e servizi con importi tra i 40000 € ed il sotto soglia "possono" essere affidati colla procedura negoziata invitando all'arena competitiva almeno cinque operatori economici, se esistenti . L'individuazione si avrà : da indagini di mercato dalla consultazione dell'elenco degli operatori economici In ogni caso deve essere garantità l'imparzialità procedurale col sistema della rotazione degli inviti . Per…continue reading →

Acquisti sotto soglia con procedure negoziate, primo focus .

Il correttivo contenuto nel D.Lgs 56/17 ha non poco turbato le SS.AA. che stavano abituandosi alle nuove procedure e adoperando i nuovi processi interni. Le norme fondamentali di interesse sono l'articolo 36, il 30 la LG ANAC n.4 ( in sostituzione parziale  del DPR 207/10) ed un poco di giurisprudenza ( presa dal previgente D.lgs 163/06 ed anche dal 50 ). E' noto che il D.lgs 50/16 non contempla più gli acquisti in economia all'uopo delle procedure competitive e negoziate sotto soglia , con alcune semplificazioni, in particolare l'abolizione del regolamento ex articolo…continue reading →

Chiarimenti sull’obbligo del MEPA da parte di alcune SA e del versamento dell’imposta di bollo.

Ancora si vocifera in giro che le Istituzioni Scolastiche Autonome abbiano l'obbligo di acquisire in MEPA per gli importi pari o superiori ad € 1000. Questa convinzione è sbagliata, deriva da una lettura errata dell'aritcolo 1 comma 502 della L. 208/2015 ( Finanziaria per il 2016 ) che riporto 502. All'articolo 1, comma 450, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono apportate le seguenti modificazioni: a) le parole: «Dal 1º luglio 2007,» sono soppresse; b) al primo periodo, dopo le parole: «per gli acquisti di beni e servizi» sono inserite le seguenti:…continue reading →

Novità in consultazione per gli affidamenti diretti ex articolo 36 comma 2 lett.a

La motivazione in merito alla scelta dell'affidatario è comunque obbligatoria e ricollegata all'art. 3 L.241/1990 (è peraltro prevista anche dall'art. 32, c.2, tra i contenuti minimi della determina a contrattare semplificata per gli affidamenti diretti). L'acquisizione dei due preventivi è facoltativa, ma rappresenta una "best practice". Va in ogni caso verificata l'economicità, anche mediante un confronto con la spesa per precedenti affidamenti o con il corrispettivo riconosciuto da altre amministrazioni per affidamenti analoghi. "4.3.1 In ottemperanza agli obblighi di motivazione del provvedimento amministrativo sanciti dalla legge 7 agosto 1990 n. 241 e al…continue reading →

Il Confronto a Coppie

Riporto una sentenza che avvalora ulteriormente le mie raccomandazioni. 1. Nel “confronto a coppie” la comparazione tra coppie di offerte è mediata dall’ attribuzione da parte di ciascun commissario di un punteggio – che va da un minimo ad un massimo – a quella di esse che considera prevalente, e, in pari tempo, dà conto del grado di tale prevalenza ovvero di parità tra di esse. Per espressa previsione delle linee guida di cui all’allagato G del Regolamento recato dal d.P.R. n.207 del 2010, al punteggio di ciascun commissario di gara corrisponde un…continue reading →

Alcuni approfondimenti sul correttivo al codice appalti

Nella fase di progettazione, occorre quantizzare il  costo della manodopera, infatti  l'articolo 23 comma 16 recita : Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, il costo del lavoro e' determinato annualmente, in apposite tabelle, dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale tra le organizzazioni sindacali e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente piu' rappresentativi, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali. In mancanza di contratto collettivo applicabile, il costo del…continue reading →