Novità ( vere o presunte ) sul CAD

Per prima cosa vi ricordo che il CAD ormai non si presenta più come un obbligo per le PA ma sempre maggiormente come un diritto per i cittadini, e questo potrebbe ( e già sta accadendo) inficiare molte procedure, anche di notificazioni delle amministrazioni pubbliche. Iniziamo con il (ri)parlare della trasmissione dei documenti, ribadendo che le PA possono trasmettere i documenti attraverso : PEOPECINTEROPERABILITA' / COOPERAZIONE APPLICATIVA La PEO ( posta elettronica ordinaria ) non è disciplinata dal CAD per un semplice motivo, era preesistente al d.lgs 82/05 , tuttavia occorre ricordare che…continue reading →

il D.l 179/12 e la notificazione della PEC, importante decisione CASSAZIONE

Art. 16-septies. DL 179/12 ( CRESCITA )Tempo delle notificazioni con modalita' telematiche 1. La disposizione dell'articolo 147 del codice di procedura civile si applica anche alle notificazioni eseguite con modalita' telematiche. Quando e' eseguita dopo le ore 21, la notificazione si considera perfezionata alle ore 7 del giorno successivo. IMPORTANTE DECISIONE CASSAZIONE 28864/2018. Dall’ordinanza, infatti, si evince che la notifica PEC, dalla quale è poi scaturito il ricorso per Cassazione, è iniziata sicuramente dopo le ore 21.00 del giorno di scadenza e, più precisamente, alle ore 23.26: “(omissis) ricorre per cassazione nei confronti della…continue reading →

Le istanze nel CAD ( riproposto)

Le istanze verso una PA sono accettate se passano attraverso : PEO PEC STRUTTURE INTEROPERABILI. LA PEO, posta elettronica ordinaria ha sempre valore “se ne accerto la provenienza” , non è disciplinata dal CAD ma normata .   LA PEC, invece è ben disciplinata e normata dall’articolo 48 de CAD e dal DPC 68/2005.   L’INTEROPERABILITA’ ha invece la capacità di creare cooperazione docuemtale tra le diverse PA ( e non solo ) . AI sensi dell’articolo 47 cad : Le comunicazioni di documenti tra le pubbliche amministrazioni avvengono mediante l’utilizzo della posta…continue reading →

Censimento ICT del Piano Triennale, scadenza del 20 Giugno

Viste le diverse chiamate sulla scadenza del censimento contenuto nel  Piano Triennale dell'Informatica della PA vi tranquillizzo ricordando che al momento si tratta di una semplice ricognizione, eventuali problematiche possono esserci solo per le PA che al momento necessitano di essere inserite nell'elenco dei PSN , mi spiego meglio , il Piano Triennale mira a tripartire le PA in :  PSN , Polo Strategico Nazionale , caratterizzato  da cespiti tecnologici e base di calcolo elevato da condividere anche con altre Pa in forza di collaborazioni in forza dell'articolo 15 L.241/90 Gruppo A, strutture…continue reading →

Il CAD, le novità dirompenti , quelli che…a volte ritornano, e nuovi poteri .

La novità dirompente è certamente rappresentata dalla modificazione all'articolo 6, UTILIZZO DEL DOMICILIO DIGITALE. Le comunicazioni tramite i domicili digitali sono effettuate agli indirizzi inseriti negli elenchi di cui agli articoli 6-bis, 6-ter e 6-quater, o a quello eletto come domicilio speciale per determinati atti o affari ai sensi dell’articolo 3-bis, comma 4-quinquies. Le comunicazioni elettroniche trasmesse ad uno dei domicili digitali di cui all’articolo 3-bis producono, quanto al momento della spedizione e del ricevimento, gli stessi effetti giuridici delle comunicazioni a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno ed equivalgono alla notificazione per…continue reading →

Qualche anticipazione per i RTD sul D.Lgs 217/17 il NUOVO CAD

Il correttivo al CAD oltre a continuare sul filone filosofico e concettuale introduce nuovamente alcuni istituti cancellati dal D.Lgs 179/16 ( a parere dello scrivente erroneamente ), come ad esempio : come già accennato si riconferma l'importanza del responsabile alla transizione in ogni PA , infatti l'articolo 17 del D. Lgs 217/2017 che modifica l'articolo 17 del D.lgs 82/05 ( già variato dal D.lgs 179/16) mette maggiore enfasi sull'importanza del RTD in ogni PA ed istituisce l'ufficio centrale presso l'AGID del Difensore Civico Digitale . Al RTD spetta : progettazione sugli acquisti ed…continue reading →

Nuovo CAD e NUOVA PRIVACY ! Siete Pronti ? Direi di no!!!!

Meno di 20 giorni per il nuovo codice dell'amministrazione digitale e circa 60 per prepararci al GDPR, già vedo in giro tante soluzioni hardware e software con grande danno erariale ( vedi segreteria digitale etc etc )!!!!   Come sempre dovrebbe essere il RTD a dare le dritte , a buon intenditore poche parole... ...oltre  al danno erariale nullità originale degli atti e sanzioni amministrative e penali,    continue reading →

A cosa serve il responsabile alla transizione digitale ? ad evitare sanzioni.

Parliamone un po'. Il responsabile alla transizione digitale  ( vedi anche questo post ), è secondo l'articolo 17 CAD colui che si occupa de : a) coordinamento strategico dello sviluppo dei sistemi informativi, di telecomunicazione e fonia, in modo da assicurare anche la coerenza con gli standard tecnici e organizzativi comuni; b) indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi informativi di telecomunicazione e fonia dell'amministrazione; c) indirizzo, pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai dati, ai sistemi e alle infrastrutture anche in relazione al…continue reading →

Via libera al nuovo CAD

Entriamo in pieno CAD 6.0 “il Cad getta le fondamenta giuridiche per molti dei servizi stabiliti nel piano, servizi che si stanno già realizzando come, per esempio, quello di Cittadinanza Digitale o il Data & Analytics Framework (Daf), oppure ancora il servizio per l’elezione del domicilio digitale dei cittadini”.   Piacentini.continue reading →