Il CAD, le novità dirompenti , quelli che…a volte ritornano, e nuovi poteri .

La novità dirompente è certamente rappresentata dalla modificazione all'articolo 6, UTILIZZO DEL DOMICILIO DIGITALE. Le comunicazioni tramite i domicili digitali sono effettuate agli indirizzi inseriti negli elenchi di cui agli articoli 6-bis, 6-ter e 6-quater, o a quello eletto come domicilio speciale per determinati atti o affari ai sensi dell’articolo 3-bis, comma 4-quinquies. Le comunicazioni elettroniche trasmesse ad uno dei domicili digitali di cui all’articolo 3-bis producono, quanto al momento della spedizione e del ricevimento, gli stessi effetti giuridici delle comunicazioni a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno ed equivalgono alla notificazione per…continue reading →

A cosa serve il responsabile alla transizione digitale ? ad evitare sanzioni.

Parliamone un po'. Il responsabile alla transizione digitale  ( vedi anche questo post ), è secondo l'articolo 17 CAD colui che si occupa de : a) coordinamento strategico dello sviluppo dei sistemi informativi, di telecomunicazione e fonia, in modo da assicurare anche la coerenza con gli standard tecnici e organizzativi comuni; b) indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi informativi di telecomunicazione e fonia dell'amministrazione; c) indirizzo, pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai dati, ai sistemi e alle infrastrutture anche in relazione al…continue reading →

Via libera al nuovo CAD

Entriamo in pieno CAD 6.0 “il Cad getta le fondamenta giuridiche per molti dei servizi stabiliti nel piano, servizi che si stanno già realizzando come, per esempio, quello di Cittadinanza Digitale o il Data & Analytics Framework (Daf), oppure ancora il servizio per l’elezione del domicilio digitale dei cittadini”.   Piacentini.continue reading →

Il responsabile alla transizione digitale nella PA.

Riporto il primo comma dell'articolo 17 del D.gs 82/2005 come modificato dal D.lgs 179/16, ricordando che a breve ci saranno ulteriori modifiche al CAD. 1. Le pubbliche amministrazioni garantiscono l'attuazione delle linee strategiche per la riorganizzazione e la digitalizzazione dell'amministrazione definite dal Governo in coerenza con le regole tecniche di cui all'articolo 71. A tal fine, ciascuno dei predetti soggetti affida a un unico ufficio dirigenziale generale, fermo restando il numero complessivo di tali uffici, la transizione alla modalita' operativa digitale e i conseguenti processi di riorganizzazione finalizzati alla realizzazione di un'amministrazione digitale…continue reading →

Pagamenti informatici della PA.

E' importante ricordare che il CAD. le lineee guida sui pagamenti informatici ed il piano triennale danno come scadenza quella del 31/12/2017 per l'abilitazione al nodo SPC-PAGOPA . stralcio articolo 5 del D.Lgs 82/05 Art. 5 (Effettuazione di pagamenti con modalita' informatiche). ((1. I soggetti di cui all'articolo 2, comma 2, sono obbligati ad accettare, tramite la piattaforma di cui al comma 2, i pagamenti spettanti a qualsiasi titolo attraverso sistemi di pagamento elettronico, ivi inclusi, per i micro-pagamenti, quelli basati sull'uso del credito telefonico. Resta ferma la possibilita' di accettare anche altre…continue reading →

Qualche anticipazione sul CAD 6.0

"È vero che talvolta occorre cambiare qualche legge. Ma il caso è raro; e quando avviene, bisogna ritoccarle con mano tremante: con tanta solennità e con tante precauzioni che il popolo debba concluderne che le leggi sono veramente sante; e soprattutto con tanta chiarezza che nessuno possa dire di non averle capite. (Montesquieu)" L'8 settembre ultimo è stata depositata per l'ultima lettura la normativa "correttivo al CAD", quindi siamo a quota 6. Le maggiori novità riguardano : Poteri regolatori dell'AgID ( potrà emanare soft-law, regolamenti, cfr ll.gg. ANAC) Attuazione  immediata del domicilio digitale…continue reading →