perlapa

Buongiorno a tutti, inziamo a trattare l’anagrafe delle prestazioni che da quest’anno sarà gestito dal portale accentratore del DFP PerlaPA.

Sono destinatari dell’adempimento le PA elencate nell’art 1co 2 del D.lgs 165/01,  l‘obbligo di comunicazione  è invece imposto dall’art 53 .

 

Analizziamo le scadenze :

Entro il 30 aprile di ogni anno tutti coloro (soggetti pubblici e privati) che erogano compensi a dipendenti pubblici per incarichi diversi sono obbligati a comunicarne l’ammontare all’amministrazione pubblica di appartenenza . Gli importi sono riferiti all’anno solare precedente.

Entro il 30 giugno le PP.AA. comunicano tramite PerlaPA gli incarichi autorizzati  ai propri dipendenti o direttamente conferiti nell’anno precedente. (ONERE DEL RPD)

Entro il 30 giugno le PP.AA. comunicano gli incarichi conferiti a soggetti estranei all’amministrazione pubblica nel periodo 07-12 dell’anno precedente tramite PerlaPA. (ONERE DEL RPC)

Entro il 31 dicembre le PP.AA. comunicano gli incarichi conferiti a soggetti estranei all’amministrazione pubblica nel periodo 01-06 dell’anno in corso tramite PerlaPA. (ONERE DEL RPC).

Iniziamo ad analizzare la nuova terminologia derivante dai nuovi soggetti tralasciando le unità organizzative fittizie

Responsabile Procedimento Consulenti –> RPC

Responsabile Procedimento Dipendenti –> RPD

Queste due figure sono abilitate dal RPPA (Responsabile Perla PA) che è colui che si interfaccia la prima volta in piattaforma, ritengo opportuno sottolinerare che il RPPA è la figura tradizonalmente individuata come responsabile del procedimento amministrativo generale, e che quindi a differenza del Responsabile Unitario del Procediemnto (codice dei contratti) non c’è discrezionalità nella scelta, deve essere il R.l. dell’amministrazione (per le ISA Consiglio un’attenta lettura al DM 190/95 per le altre amministrazione la lettura dell’art 4 L. 241/90).

Per la designazione delle figure RPC e RPD vige il principio generale di scegliere tra coloro in ruolo se competenti altrimenti dal personale in servizio  e comunque le due figure non possono degenerare nella stessa persona.

Esempio dell’inserimento di incarico ai dipendenti .

L’utente individuato ed autorizzato dal RPPA sarà loggato ed indirizzato sulla prorpia area di competenza (RPD o RPC).

 

perla2

 

* Inserire data autorizzazione o data conferimento incarico dipendente PA ( propria o terza amministrazione dello Stato,proprio o terzo ufficio dello  Stato).

perla3

 

 * cercare con codice fiscale il dipendente

perla4

 I passaggi successivi sono immediati ed intuitivi, nello stesso modo si procede per l’inserimento degli incarichi da parte del RPC, occorre fare attenzione a :

–  non inserire più incarichi nello stesso semestre / anno

–  non confondere dotazione con servizi
ESEMPIO: SICUREZZA srl emette fattura cosi strutturata :

– consulenza sulla 626/94 €  1500.00
– fornitura di armadietti conformi con farmaci € 500.00

Ai fini delle prestazioni da comunicare al DFP occorre denunciare solo la prestazione e non la cessione di un bene reale.

 

– Ancora , collegando l’anagrafe delle prestazioni con il D.Lgs 150/09 per quanto riguarda il Piano Triennale della trasparenza è evidente  che tra le prestazioni non rientrano più solo quelle di intelletto (affidamento ai sensi dell’art 7 co 6 165/01 comb 2222 c.c.) ma anche le forniture di servizio , ai fini di una visione più amplia, non limitata all’art 53 165/01 (anagrafe prestazioni ) sarà nostra cura :

– per gli incarichi ai professionisti od assimilabili verrà fatta solo ed esclusivamente la denuncia al PerlaPA

– per i contratti di servizi preventivamente andrà chiesto il CIG, poi denuncia al PerlaPA da parte del RPC.

 

L’utilizzo della procedura mi sembra piuttosto semplice anche se con curva di apprendimento elevata, in caso di problemi resto ovviamente a disposizine di tutti voi.

 

Vincenzo.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento