Qualche dritta sui PNRR. PARTE SECONDA. CONTABILITA’

LA VARIAZIONE DI BILANCIO,

La competenza per le variazioni di bilancio resta in capo al CC, tuttavia è sempre ipotizzabile la variazione in giunta e la successiva ratifica entro 60 gg come da TUEL, art. 175 c.4.

Ora ci ritorna UTILE l’ASSUNTO della prima parte di questo FOCUS. Le misure STANDARD del PNRR sono da considerarsi SPESE CORRENTI !!!!

Come tali, dunque, vanno inserite nella prima annualità UTILE ( il 2022) e non occorre variare il piano biennale ex articolo 21 D.Lgs 50/16 in sede di variazione di bilancio, ma solo successivamente, in fase di gara (e per gara intendo ovviamente anche gli affidamenti diretti)

A questo punto occorre poi attuare l’articolo 23 del Codice degli appalti.

Poniamoci ora il problema dell’accertamento dell’entrata riprendendo la FAQ 48 ARCONET, anzi facendo collimare la suddetta FAQ con il cruscotto di padigitale2026.gov.it

Posso accertare la spesa quando sul cruscotto mi troverò in questa condizione

Ora occorre fare moltissima attenzione ad un altro aspetto, LA CASSA VINCOLATA.

Bisogna aprire un sotto-conto-tesoreria-dedicato alle reversali ed ai mandati derivanti dai trasferimenti.

L’utilizzazione del sotto-conto-tesoreria-dedicato è necessario quando utilizzo le provviste trasferite e solo fino alla rendicontazione del risultato. Raggiunto l’obiettivo le eccedenze contabili sono semi-svincolate, o meglio svilncolate dal sotto-conto-tesoreria-dedicato ma utilizzabili comunque solo per la transizione al digitale, almeno fino a chiarimenti dall’alto.

Dal basso è tutto. Buon lavoro!

Print Friendly, PDF & Email