Analizzando la documentazione fiscale di diverse PP AA , son saltate fuori diverse fatture emesse per l’importo complessivo con l’esclusione dell’IVA ai sensi dell’articolo 15 del DPR 633/72.

Il caso è da tenere sotto controllo per le implicazioni che analizzeremo a breve, ma prima facciamo una distinzione tra l’esenzione e l’esclusione dall’Imposta sul Valore Aggiunto anche se sommaria per non complicare la lettura :

– le operazioni escluse, sono disciplinate in via generale dagli articoli 7 e 74 del DPR 633/72, e nello specifico ( nella maggior parte dei casi ) dall’articolo 15 che  riporto :

  Esclusioni dal computo della base imponibile        ((Non concorrono a formare la base imponibile:         1)  le  somme  dovute  a  titolo  di  interessi moratori o di     penalita'  per  ritardi  o  altre  irregolarita' nell'adempimento     degli obblighi del cessionario o del committente;         2)  il  valore  normale  dei  beni ceduti a titolo di sconto,     premio  o  abbuono  in  conformita'  alle  originarie  condizioni     contrattuali,  tranne  quelli  la  cui  cessione  e'  soggetta ad     aliquota piu' elevata;         3)  le  somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni     fatte in nome e per conto della controparte, purche' regolarmente     documentate;         4) l'importo degli imballaggi e dei recipienti, quando ne sia     stato espressamente pattuito il rimborso alla resa;         5)  le  somme  dovute  a  titolo  di rivalsa dell'imposta sul     valore aggiunto.       Non  si  tiene conto, in diminuzione dell'ammontare imponibile,     delle  somme  addebitate  al  cedente  o  prestatore  a titolo di     penalita'  per ritardi o altre irregolarita' nella esecuzione del     contratto)). 

Commercialmente la maggior parte dei casi in cui una PA riceve una fattura escluso articolo 15 si riferisce al comma 3,  quasi mai tutto l’importo è soggetto all’esclusione, faccio un esempio :
Una fattura per il sito web potrebbe essere di questo tipo :
– Spese anticipate per il servizio di hosting € 100.00 iva esclusa articolo 15 DPR 633/72
– compenso per la realizzazione della pagina istituzionale  € 2000.00 iva al 22%
E’ chiaro che il fornitore del servizio ha speso 100 euro ( comprensivo di iva) in nome e per conto della PA e che ci guadagna 2000 euro.
ESENZIONE DI IVA.
L’esenzione di iva non rientra  nei requisiti degli articoli  7 e 74 del DPR IVA ma per alcuni motivi l’ iva è  pari a 0, sono i casi elencati dall’articolo 10 del DPR che non riporto per la lunghezza.
Le operazioni esenti sono soggette ad imposto di bollo qualora  superiori ad  € 77,47.
Ma perchè parlare del testo unico dell’imposta sul valore aggiunto ?…. ecco il nodo della questione…..
Chi partecipa ad una gara di appalto deve avere un profitto d’impresa, tanto è vero che le offerte anomale ai sensi dell’articolo 97 del D.lgs 50/16 vanno valutate ( scartate).
Presentare indi, una fattura per un solo servizio od opera o fornitura, completamente esclusa dall’iva, significa che fornisco qualcosa, ad esempio un Personal Computer ad EURO 1500 non guadagnandoci nulla, ho solo agito come mandantario della PA per la conclusione di un contratto, caso ANOMALO, irreale.
In tutto questo  nasce un altro adempimento da farsi, infatti il DM 25/09/2015 attua l’articolo 1 comma 2 lett r del D.Lgs 231/07, indicanco i segnali di anomalia per le segnalazioni ANTIRICLAGGIO ( vecchio post ) e tra gli elementi “sospetti” c’è proprio la partecipazioni a lucro ZERO da parte di soggetti economici ( commerciali) .
L’improvvisazione diviene sempre più pericolosa, una volta rilevata l’operazione sospetta, questa deve essere “trattata” ed è cura del RUP e del RPC o del referente del RPC fare le segnalazioni ex articolo 41.

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento