IL PROBLEMA NON e’ DELLE PIATTAFORME, ABBIAMO TUTTI UN PROBLEMA DI CONSAPEVOLEZZA.

Si parla piu’ di ZOOM nelle scuole che di COVID-19 nel MONDO!!!!! ZOOM poco sicuro ? Forse.

Parlo della mia esperienza personale con ZOOM ! in dieci giorni circa 50 ore di collegamento e nessun problema .

Vi propongo un fanta-articolo di cronaca DARK !

Anziano 95 anni con problemi asmatici gravi, immunodepresso ed alle spalle tre interventi di cardiochirurgia, positivo al COVID-19 attraversa la strada e viene schiacciato da un TIR .

MORTO A CAUSA DEL COVID-19.

E’ giusto quanto ho scritto ? non mi esprimo non voglio condizionare.

e se scrivessi – utente si collega a ZOOM con un pc ( tablet/smartphone) mai aggiornato, con sistema operativo PIRATA, senza antivirus senza aggiornamenti delle patch di sicurezza utilizzando credenziali non STRONG e mai aggiornate e viene hackerato.

HACKERATO a causa di ZOOM !!!!!

Un altro parallelismo tra incidenti stradali e software .

In Italia muoiono piu’ persone investite da auto medio-piccole che da Ferrari , non penso sia il caso di obbligare tutti a comprare Ferrari, anche perche’ il rischio di incidenti aumenterebbe.

In estrema sintesi occorrerebbe prima di abilitare le piattaforme VALIDATE DALL’ AGID e CONFORMI a tutte le norme

  • arrangiarsi per un poco con piattaforme come zoom, edmodo etc etc ( E NESSUNA DI QUESTE OFFRE A MIO AVVISO GARANZIE SUFFICIENTI alla luce degli ultimi eventi ) e sfruttare l’interruzione delle lezioni per le vacanze pasquali per far partire gli strumenti VALIDATI.
  • chiedere LUMI al RTD del MIUR
  • utilizzare alternative italiane, io mi sento di consigliare https://iorestoacasa.work/ ( SERVER DEL CNR) nelle more delle attivazioni .

Uno strumento per verificare la qualita’ dei servizi on line e’ dato dal sistema CERT-PA, ecco un riferimento per ZOOM, tuttavia c’è un problema di discrasia non indifferente.

Chi mi conosce capisce che mai e poi mai spingerei ad utilizzare ZOOM in quanto non censito in AGID , vedi post

Print Friendly, PDF & Email