Come gia’ piu’ volte scritto (qualcuno mi legge?), il DL 76/20 ha modificato due DELLE norme piu’ dirompenti nelle PP.AA., la L. 241/90 ed il D.lgs 50/16.

ENTRO IL 31/12/2020 occorre ridefinire i tempi procedimentali ed entro il 28/02/2021 occorre approvare un piano di traslazione dei servizi sul canale informatico-telematico dell’ente.

La riduzione dei termini e’ disciplinata dall’articolo 12 del Dl 76/20 ( modifiche alla L. 241/90)

2. Entro il 31 dicembre 2020 le amministrazioni e gli enti pubblici statali provvedono a verificare e a rideterminare, in riduzione, i termini di durata dei procedimenti di loro competenza ai sensi dell’articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Mentre la piu’ nota traslazione al digitale e’ trattata dall’articolo 24 del Dl 76/20.

1-quater. I soggetti di cui all’articolo 2, comma 2, lettera a), rendono fruibili tutti i loro servizi anche in modalita’ digitale e, al fine di attuare il presente articolo, avviano i relativi progetti di trasformazione digitale entro il 28 febbraio 2021.

Una cosa deve essere chiara a tutti, senza TERRORISMO, in nessun cavillo del DL 76/20 ( e della conversione in Legge 120) e’ scritto che entro fine febbraio i servizi devono essere fruibili, entro la scadenza deve esserci un programma (allineato con il PTIPA) di trasformazione.

Vi riporto alcuni vecchi post sull’argomento e vi lascio un foglio excel per fare questo lavoraccio insieme. Il file e’ protetto da password, basta chiedermela.

Il file excel rappresenta una griglia dove appuntare la riduzione dei termini (art. 12 ) e la trasposizione dei servizi in digitale ( art 24 ). Una volta riempiti i dati dovete contattarmi per il progetto da attuare.

I procedimenti censiti sono tipici dell’ente locale ma riducendo qualcosa sono adattabili anche altre PP.AA.

qui il file da compilare .

Come sempre per qualsiasi informazione :

vincenzo de prisco cell. 3389141276.

Print Friendly, PDF & Email