Da più parti si sente dire che le scuole non rientrano tra le PP.AA. oggetto della norma anticorruzione.
Premesso che non è assolutamente vero ( essendo le scuole annoverate nell’ormai stranoto art.1 comma 2 D.Lgs 165/01) ricordo che l’organo di controllo il CIVIT nelle sue circolari ne dichiara espressamente l’obbligo.

Alcune parti della norma , infatti, già le stiamo utilizzando, in particolare la parte che ha modificato l’articolo 53 del D.Lgs 165/01 (anagrafe delle prestazioni).

Ritengo tuttavia opportuno  precisare alcuni punti essenziali della norma :

* per le scuole è molto semplice individuare il responsabile anticorruzione, infatti le disposizioni guida contenute nella L. 190/12 delineano i profili che giocoforza degenerano nel Dirigente Scolastico

* la piena attuazione della norma nell’aspetto programmatico ( stesura documento triennale anticorruzione) è condizionata dall’emanazione di regolamenti ministeriali, ad oggi inesistenti.

* l’opportunità data dalla norma di attuare norme già in vigore ma “dimenticate”

Nei prossimi incontri si discuterà oltre che della CONSIP, ove in buona sostanza è cambiato ben poco, soprattutto della norma anticorruzione, e con sorpresa si scoprirà che tutto sommato non è devastante e che già è applicata nella maggior parte delle ISA.

Ci saranno diverse pubblicazioni sulla norma con il rilascio  di “procedure”, lo strumento principale per adempiere.

Con estrema soddisfazione, e VANTO, ricordo a tutti che da circa un lustro insisto nell’applicazione anche per il mondo pubblico dei c.d. modelli organizzativi ex D.Lgs 231/01, ora con l’entrata in vigore della L.190/12 ci siamo.

Qualora il legislatore ( o meglio l’amministratore) dovesse dare deroghe resta comunque l’obbligo di vigilanza su norme a volte disattese, e.g. le commissioni e l’incompatibilità dei commissari, il cartellino identificativo, la tracciabilità dei pagamenti in filiera.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento