Uno degli aspetti meno considerati della normativa antiriciclaggio, riguarda l’onere di segnalazione da parte della Pubblica Amministrazione, in particolare del segnalante che viene chiamato “gestore” .

La carenza, invero, deriva dalla mancanza degli strumenti solo annunciati nel D.Lgs 231/07, ed attuati con quasi un decennio di ritardo.

L’articolo 10 del D.Lgs 231/07 individua tra le PA i destinatari della norma, rimandando poi ( articolo 41) ad una serie di indicatori specifici per la PA.

Il Ministero dell’Interno, con decreto del 25 Settembre 2015 , quindi con otto anni di ritardo, pubblica il decreto con gli indicatori di anomalia e lobbligo di segnalazione da perte della PA.

DM 25.09.2015.

L’ambito di operatività è descritto dall’articolo 2, che in sintesi riguarda operazioni di persone finische e giuridiche in ambito fiscale, lavori e forniture pubbliche , finanziamenti alle imprese.

Gli indicatori rappresentano  un alert da parte del “gestore” per le segnalazioni all’UIF, non un obbligo.

Il gestore,quindi, con l’utilizzo degli indicatori e dei sub indicatori dell’allegato unico al DM 25.09.2015 , deve attuare, in caso di forte sospetto, le procedure previste dall’articolo 6 ( di ulteriore verifica di rischiosità ) e poi far partire la segnalazione secondo l’articolo 7.


 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento