Ancora mi pervengono notizie di Revisori dei conti che non accettano l’autocertificazione del DURC.

Assecondarli significa non rispettare un diritto delle imprese, è infatti importantissimo considerare la possibilità dell’autocertificazione non come un nostro minore onere od un nostro obbligo, ma un diritto introdotto dall’articolo 4 comma 14 bis della L. 106/11 per le imprese ( a patto che ci siano le condizioni, cioè importi fino a 20000 € e non lavori ma solo forniture di beni e servizi) .

La cosa buffa è che i revisori per avvalorare la loro tesi utilizzano la circolare prot .INAIL.60010.26/01/2012.0000573 , ma è proprio questa circolare che ricorda la èpssoboòità di  deroga all’autocertificazione nei casi previsti dal legislatore.

Vi allego la circolare con evidenziata la parte che ci riguarda e chi vi tutela ed anche un’ultimo chiarimento ( del  01-06-2012 ) del MLPS che ribadisce la possibilità di accettare l’autodichiarazione ( vedi pagina 4 )

 

 

 
INAIL_INPS_nota_n_573_del_26_01_2012___DURC_non_autocertificabilit___Casi_residuali2unlocked.pdf
20120601_Circ_12.pdf

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento