E’ importante ricordare che il CAD. le lineee guida sui pagamenti informatici ed il piano triennale danno come scadenza quella del 31/12/2017 per l’abilitazione al nodo SPC-PAGOPA .
stralcio articolo 5 del D.Lgs 82/05
Art. 5 (Effettuazione di pagamenti con modalita’ informatiche).
((1. I soggetti di cui all’articolo 2, comma 2, sono obbligati ad accettare, tramite la piattaforma di cui al comma 2, i pagamenti spettanti a qualsiasi titolo attraverso sistemi di pagamento elettronico, ivi inclusi, per i micro-pagamenti, quelli basati sull’uso del credito telefonico. Resta ferma la possibilita’ di accettare anche altre forme di pagamento elettronico, senza discriminazione in relazione allo schema di pagamento abilitato per ciascuna tipologia di strumento di pagamento elettronico come definita ai sensi dell’articolo 2, punti 33), 34) e 35) del regolamento UE 2015/751 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2015 relativo alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.))
((2. Al fine di dare attuazione al comma 1, l’AgID mette a disposizione, attraverso il Sistema pubblico di connettivita’, una piattaforma tecnologica per l’interconnessione e l’interoperabilita’ tra le pubbliche amministrazioni e i prestatori di servizi di pagamento abilitati, al fine di assicurare, attraverso gli strumenti di cui all’articolo 64, l’autenticazione dei soggetti interessati all’operazione in tutta la gestione del processo di pagamento.))
La piattaforma abilitante prevede un terzo soggetto ( il prestatore di servizi di pagamento ) che dietro contratto di servizi gestisce gli incassi della PA abilitata al PAGO PA mediante la procedura AGID.
Il servizio PagoPA è ulteriormente richiamato a livello normativo nell’articolo 15 comma 5 bil del DL 179/12 ( crescita del paese ), che riporto ,
5-bis. Per il conseguimento degli obiettivi di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica in materia informatica ed al fine di garantire omogeneita’ di offerta ed elevati livelli di sicurezza, le amministrazioni pubbliche devono avvalersi per le attivita’ di incasso e pagamento della piattaforma tecnologica di cui all’articolo 81, comma 2-bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e delle piattaforme di incasso e pagamento dei prestatori di servizi di pagamento abilitati ai sensi dell’articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n.82.
Dal tenore della norma è evidente che l’obbligo della PA è contrapposto al diritto dei privati di poter pagare le obbligazioni ( qualsiasi ) con gli strumenti elettronici, tanto è vero che la PA non può mettere in mora il debitore se non si è dotato del SPC PAgoPA.
Il servizio di pagamento deve avere i seguenti elementi minimi :
a) Denominazione ente creditore
b) ID univoco debitore
c) Importo
d) ID univoco di versamento
e) Scadenza ( eventuale),
inoltre deve liberare immediatamente il debitore con amplia quietanza ( esempio di pagamento eseguito l’ultimo giorno), accettare tutti i tipi di pagamento , pagamenti in credito od in debito di plastica, moneta elettronica, borsellino elettronico, SEPA, mobile payment etc. e deve indicare sin dall’inizio il costo massimo dell’operazione.
Print Friendly, PDF & Email