Contratti sotto soglia e fino ad € 40.000

  1. Nomina del RUP.
    Occorre un atto formale fatto colle modalità dell’articolo 7 del D.Lgs 165/01 .
    IL RUP per fasce d’importo basse diviene anche progettista e verificatore.
    RIf. Art 31.
  2. Beni e servizi devono essere acquisti rispettando i principi di trasparenza e par condicio partecipatio, l’affidamento diretto non è la scelta naturale ma quella con un minore costo – opportunità.
    Rif. Art 36.
  3. Per acquisizione fino ad € 40.000 vige l’affidamento diretto
    Rif. Art 32 comma 2 lett a

 

Avvio e scelta

  1. Delibera ( determina ) a contrarre, utilizzare le indicazioni dell’articolo 192 del D.Lgs 267/00
    Si raccomanda di inserire nella delibera l’importo massimo stimato  ( tenete presente della L. 221/15)  . In pratica a differenza del D.Lgs 163/06 la determina a contrarre è atto procedimentale e non più atto interno di avvio al procedimento.
  2. Criteri di ordine generale dei concorrenti ( o del concorrente) desunti dall’articolo 80 del D.Lgs 50/2016.
  3. La scelta deve ( l’atto di affidamento) deve essere motivato dettagliatamente facendo “matchare” i criteri scirtti nella determinazione col profilo dell’aggiudicatario .
    Importa è ricordare che anche in caso di affidamento diretto occorre , pur se informalmente, confrontare almeno due offerte economiche.

 

Stipulazione.

Il contratto di importo non superiore a 40.000 € si conclude con il consueto scambio di corrispondenza commerciale ( si consiglia elettronica, tanto per prendere l’abitudine)

Rif. Art 36 comma 14

Per espressa previsione dell’articolo 36 comma 10 lett b non si applica lo stand stillperiod.

Il processo selettivo ( a partire dalla deliberazione a contrarre ) deve essere pubblicato sul profilo del committente.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento